Poesia di Enza Giurdanella


Vai ai contenuti

A carruzzdda

Collana Editoriale > A vi r vintu

"Li csi antchi sa na sapri apprizzri, anzimi a ddi rivurdi ca ti punu fri vulri".

'A carruzzdda

Cansciu na picciuttdda
ca r rivurdi ni fa na fsta.

gni csa antca s'arricgghi,
macri 'n iuvu fa addrizzri
anzimi a sgghi scravigghiti,
mbbili sciangarti
e tnti utri csi
ca s'avssunu a gghttari
e ca slu a talirli fnu trimri.

Nu bddu jurnu riscirinnu
nt tavultu ri sa nnna
truu nu strummintu,
ca lu cri i inu ri turmintu,
turmintu fttu, par,
ri gghija e sintimintu.

Ri na carruzzdda ri trbu si trattva
na ri clama e ri crca pirtsu,
ra arriddtta nt nu sttu
ravru pietsu.

Sta picciuttdda ca li csi antchi
li spi apprizzri,
accuminzu c sinzu a ragghiunri
e addiiru ri frla ristaurri.

Nt puta ri Muru fu lassta,
nni cu tnta amurusnza
a lgnu fu purtta
e nva vta i fu ddta.

Bdda, nva, alluintita
vnni ttta sistimta.

La picciuttdda cunnu la vtti
ampassulta arristu nt nnnti,
la cuntintzza fu tntu rnni
ca nn sppi mncu iatri.

Li ucci ri lcrimi si i anfuscru
e lu cri ri gghija i si inu,
pinznnu rivordi
ca dda carruzzdda pussira,
anzimi a ddu lgnu ri trbu
travagghitu r mnu ri 'n umminu
r stria pruvtu
e ri psta antca ampasttu.





"Le cose antiche si devono saper apprezzare, insieme a quei ricordi che ti possono far volare".

Il girello

Conosco una giovane \ che dei ricordi ne fa una festa. \ Ogni cosa antica raccoglie, \ anche un chiodo fa drizzare, \ insieme a sedie rotte,\ mobili dismessi \ e tante altre cose \ che si dovrebbero buttare \ e che solo a guardarli fanno tremare.\ Un bel giorno rovistando \ nel soffitto della nonna \ trov una strumento \ che il cuore gli riemp di tormento \ tormento fatto per \ di gioia e sentimento. \ Di un girello di platano orientale si trattava \ pieno di calama e di qualche buco \ e ridotto in uno stato \ davvero pietoso. \ Questa giovane che le cose antiche \ le sa apprezzare \ inizi con il cervello a ragionare \ e decise di farlo restaurare. \ Nella bottega di Mauro fu lasciato \ dove con tanta amorevolezza a legno fu portato \ e nuova vita gli fu data. Bello, nuovo, lucido \ venne tutto sistemato. \ La giovane appena lo vide \ sbalordita rimase in un niente, \ la contentezza fu tanto grande \ che non seppe neanche fiatare. \ Gli occhi di lacrime si velarono \ e il cuore di gioia si riemp \ pensando ai ricordi \ che quel girello possedeva, \ insieme a quel legno di turbo, \ lavorato dalle mani di un uomo \ dalla storia provato \ e di pasta antica impastato.



Torna ai contenuti | Torna al menu