Poesia di Enza Giurdanella


Vai ai contenuti

I cunti ra nanna

Collana Editoriale > A vi r vintu

I CUNTI RA NANNA

Nnna ca si sempri nt ma cori
marrivurdu li t cnti
nt li sr timpistsi
cunnu iu r lampi e truna
mi scantva e mammucciva.
ca vucizza tua ammalata
mi ciamutu e mabbrazzutu,
iu cu tia malliscautu
ava u curagghiu rin lini
e a furzzza ri nu drani.
Pui lu timpu trascrria
pui ntantu iu criscia
ma li cnti ri la nnna
nto ma cri mi purtva.
Iu crisca, iu crisca
Marrivurdu i ta palori
smpri aruci e allatinti
cunnu iu mi risprava
pi namri cuntraritu
na passini nun capta
pi lamri chiddu miu:
Iu crisca, iu crisca.
Ora nnna sgnu rnna
e pui cunnu pinzu a tia
iu ti rciu e ti cunfissu
rmmi a frza ri cairi
ttti i pni e li catni
Pacinzisa cmu a tia
vugghiu sri nnna mia
picch s pi mia na stdda
ca mi pnta e mancuatra
picch si pi mia lu spcciu
e a vra frza ra vta mia

Da piccola

Da piccola avevo due case \ quella dove son nata \ e quella dove son cresciuta \ dove per si respirava \ un'aria davvero speciale \ era l \ nella casetta di mia nonna \ che per me era \ come una mammina \ ed io per lei \ una figlia benedetta.\ Insieme trascorrevamo \ tanto tempo \ e non era mai tanto \ quello che condividevamo.\ Trovavamo il tempo \ per giocare,\ il tempo per parlare, \ quello per ridere \ e per divertirci.\ Il tempo \ anche per pregare.\ Pulivamo lenticchie \ per tutta l'annata \ e pizzicavamo fave secche \ per il pur invernale di fave . \ Strofinavamo origano, \ stendevamo succo di pomodoro \ e pomodori secchi \ sotto il sole cocente dell'estate!\ Ogni tempo era buono \ per stare insieme. \ In inverno, poi,\ era una cosa spettacolare.\ Accendevamo lo scaldino \ e ci riscaldavamo \ mano su mano \ e se ancora sentivo \ il freddo oltrepassare le ossa,\ sapete lei cosa faceva?\ Prendeva le mie mani \ e le riscaldava \ con il suo fiato.\ E quando lampi e tuoni \ iniziavano a fare \ la bolla dei luoghi santi \ si preparava a recitare \ e la tempesta man mano si allontanava.\ Sentirla non era \ un tormento \ ma un fantastico \ sentimento.\ Ed io per ore ed ore vicino \ a lei seduta ,\ incantata restavo \ per tutti quei racconti antiche \ e filastrocche che mi raccontava.\ Ora voglio sfogliare \ questi ricordi \ e vi voglio portare \ in un mondo \ pieno di santi e preghiere.\ Ascoltate ascoltate tutti! \ Maria camminava sola, sola,\ mentre piovigginava.\ San Giuseppe si voltava:\- Camminate sposa mia-\Camminate sposo voi,\ sono stanca e non ne posso pi,\ ho fatto cento miglia \ questa cosa sorprendente."\ "Videro una grotta, \ senza tetto e tegole, \ entrava acqua e neve, \ le serviva per partorire.\ In questa povera mangiatoia \ partor questa gran Signora \ in mezzo al bue e all'asinello \ nacque Ges bello".\ "Maria lavava \ Giuseppe stendeva, \ il bambino piangeva \ che il seno (latte materno) voleva.\-Zitto, figliolo, che ora ti prendo, \ ti do il latte \ che pappa non ce n'. \ Te ne do un pochino \ per amore del Signore \ te ne d una poppata Maria Immacolata-". \ "La Madre Santa \ filava il filato \ e lo filava con le sue sante mani,\ si campava col suo sudore.\ Il bambinello piangeva per pane, \ invece del pane gli diede un bacio. \ -Zitto figliolo, che ora andiamo \ a portare il filato ai padroni.- \ I padroni si trovarono a fare il pane.\ - Ora cosa prepariamo per il Signore?- \ Gli prepararono un pane enorme \ che dal forno non pot uscire. \ - Ora tutto questo non tanto \ che diamo al Signore?- \ Il Signore li ud parlare \ e glielo fece diventare di pietra.\ Sotto un albero di nocciolina \ c' una culla piccolina,\ vi coricato il bambinello \ dormi Tu Ges bello.\ "Sotto un albero di castagna \ c' Ges che chiede,\ chiede un soldo \ per comprare un cappello \ il cappello vol \ e met fiocco gli rest \ gli rimase a filo a filo \ San Giuseppe e San Iachino".\ "Alzati bambino, vai a scuola \ la bisnonna ti chiama, la messa ti suona." \ " Il bambinello riccio, \ vuole il mio cuore \ ed io glielo voglio dare \ e senza cuore voglio restare". \ "Il Signore quando andava ad attingere \ una brocca d'oro si port.\ Arrivato a met strada lo ruppe \ e con le sue sante mani lo san." \ " A te che scendi alla fiumara \ se vedi mio figlio mandamelo. \ E'quello con le labbra come zucchero \ e i capelli come oro fine".\ "La Madre Santa lo vide passare, \ gli disse:- Vieni qua o Salvatore.-\ - O Madre Santa non posso venire,\ devo badare ai peccatori-.\ I figli peccatori siamo noi, \ che facciamo tanti peccati \ chi entra nell'inferno \ non esce pi, \ chi entra in paradiso \ non esce mai". \ "A te, che passi da questa strada nuova, \ la porta di un fabbro era aperta. \- O tu fabbro cosa fai aperto a quest'ora?- \ - Faccio una croce con tre pungenti chiodi.-\ - Ti prego fabbro, non la fare. \ Ti pago ugualmente il lavoro-. \ - O buona donna non posso farlo,\ dove c' Ges ci mettono me. - \ " A trentatr anni \ incoronato di spine \ con chiodi e catene \ per amare Ges." \ "Scende la Madonna \ e si siede su di una colonna \ scende il Signore \ e si siede su di un muretto.\ Scende Angioletto \ e si siede su di uno sgabello, \ lo sgabello si ruppe \ e Angioletto \ risal in paradiso,\ dove sempre si canta e si suona \ e all'inferno martelli e chiodi". \ Questa nonna davvero speciale \ una dolce parola \ per me sempre aveva \ e quando a letto \ m'accompagnava \ l'ultima filastrocca \ mi raccontava.\ " Io mi corico per dormire \ ma nel sogno posso morire, \ se non trovo confessore \ confessatemi Signore." \ " Io mi corico in questo letto \ e la Madonna tengo in petto. \ Io dormo e Lei vigila \ se c' qualcosa mi sveglia". \ "Il corpo dorme, l'anima vigilia \ viene Ges \ e se la viene a prendere". \ Queste cantilene un po' \ particolari \ nel mio cuore \ vogliono ancora cantare.\ Esse sono specchio \ di sentimento \ e cancellano \ sempre ogni tormento.\ Questi sono i racconti \ e ancora racconti \ che una nonna sempre \ narrava \ ad una nipotina \ che poco parlava \ ma tanto, tanto ascoltava \ e che ogni giorno \ nel passato se ne scappa \ per incontrare quella donna \ che di madre le faceva \ con costanza ed amorevolezza \ per non perdere l'usanza \ di un amore troppo forte \ di questa nonna per sua nipote.


Torna ai contenuti | Torna al menu