Poesia di Enza Giurdanella


Vai ai contenuti

Li ju˛ca antichi

Collana Editoriale > ĺA v¨ši r˘ viŔntu

"LI JUĎCA ANTICHI"
E cuÓnnu la stÓti 'nfucÓva li cÓsi
e spaccava li pŔtri rÓnni e nichi
sciŔumu all 'Ória.
Ni piÓcia stÓri n'cumpagnýa.

Li piccirýddi sŔnza pinziŔri pi la sc˛la
ni rÓumu appuntamiŔntu
a la prima matinÓta,
cuÓnnu lu s¨li s'affacciÓva
e a taliÓrini e a cauriÓrini s'arricriÓva.

CuÓnnu pu˛i vinýa lu manzu˛rnu
ni mangiÓumu 'n tu˛zzu ri pÓni
pi la prŔscia ri lu jucÓri.
Ju˛ca ni strummintÓumu
cuÓnt'agghierŔ:
o 'mmuccialu˛ru, a ciappŔdda,
e fýmmini spusÓti e bia riscurriŔnnu.

E gghŔrumu sŔmpri c¨ntenti e risulŔnti.
NiÓutri sý, ca sapiŔumu jucÓri,
co pýcca aviŔumu sŔmpri mÓgnu
e nunn'addumannÓumu
mÓi ci¨ assÓi!
I piccirýddi ri sti tiŔmpi, pi scÓngiu,
nun sa diliŔttunu a jucÓri
e nun lo sÓnu mÓncu fÓri.

Nun si po' turnÓri annarriŔri
ma tru˛ppu avÓnti stapiŔmu jŔnnu
'nta stu m¨nnu assÓi mutŔrnu.
Si pirdiŔru ci¨i i valuri,
chýddi pu˛i ri l'amicýzzia,
arristÓru tru˛ppu 'mpinti,
'nta sti strÓti spacciati e tristi
sŔnza Ómuri ri piccirýddi,
'nta sti strÓti crýggi e frýddi
¨nni ci¨i nun ci s¨nu v¨ci
ne risÓti spÓcca pŔtri
ma si sŔnti s¨lu 'u scr¨sciu
ri li mÓchini mutŔrni.

"I GIOCHI ANTICHI"

E quando l'estate infuocava le case
e spaccava le pietre grandi e piccoli uscivamo all'aria aperta.
Ci piaceva stare in compagnia.

I bambini, senza pensiero per la scuola,
ci davamo appuntamento
alla prima mattinata,
quando il sole s'affacciava
e a guardarci e a riscaldarci
si rallegrava.

Quando poi arrivava mezzogiorno mangiavamo un tozzo di pane
per la fretta di andare a giocare.
Giochi ne inventavamo
tantissimi:
a nascondino e alla "ciappedda", (tipico gioco siciliano che si faceva usando dei dischi fatti di pietra)
alle donne sposate e cosý via.
Ed eravamo sempre contenti e risolenti. Noi si, che sapevamo giocare
col poco, avevamo sempre tanto
e non chiedevamo mai di pi¨.

I bambini di questi tempi, invece,
non si dilettano a giocare
e non lo sanno neanche fare.

Non si pu˛ tornare indietro
ma troppo avanti stiamo andando,
in questo mondo assai moderno.
Si sono persi ormai i valori,
quelli poi dell'amicizia,
sono rimasti troppo indietro,

in queste strade vuote e tristi
senza amore di bambini,
in queste strade grigie e fredde
dove non ci sono pi¨ voci
nÚ risate spacca pietre
ma si sente solo il rumore
della macchine moderne.


Torna ai contenuti | Torna al menu