Poesia di Enza Giurdanella


Vai ai contenuti

A vi r vintu

Collana Editoriale > A vi r vintu

Cmu mi putssi scurdri ri nnnu Vnni ca pi lutri ra slu m pirsungghiu ma pi ma nummunu sgghiu ca ri carzzi mambriacva e nt lu cri mi purtva.

Nnnu Vnni


Nnnu Vnni abbitva
nt na caszza pupulri
nicardda ma bulirdda,
cu rarriri na rijanidda
ca faca ri spccia
nt n'utra vandda.

Nt st caszza
'ra macri
n'urtiiddu siculri
iamtu ri ttti 'u jardnu.

Ri jardnu a ddri 'u vru
ava pcca csa
ma accuss vina
ammuntutu e ri ttti talitu,
nni nnnu Vnni
i piaa siminri
ppi addinti e vasilic
e nni tina nu gghiarsumnu
ca gni nnu vina puttu
e ri ttti iaurtu.
Stti e 'mmirnu
a la prma matinta si susa
e ri e ri appuitu
nt nu braccuniddu stapa;
nu braccni ca rva prpriu
spra 'a strta,
nni mchini, mutra e gghnti
s'arricriva a squattriri.

Li mchini li cuntva
e li gghnti li pustiva,
gni fcci canusca
e smpri a sa i ria.

C tscu spra a tsta
e 'n sicrru a 'mminzu jta
la jurnta si fumva
e a taliri nun si stancva.

A ttti l'ri r jurnta
nnnu Vnni m'aspittva
cu ddu amri truppu frti
ca nt cri si purtva.

Cunta gghija
ddu pruvva
cunnu ri luntnu
m'alluiva.

Cu la vcca mi iamva
che sa mnu m'allisciva.
"Niputdda!" mi iamva
e cu l'ucci mi parrva
cu ddi ucci com' mri,
ni r'amri e ddi passini,
tttu ddu amri
ca slu nu nnnu
po' pruri pi na nipti.

Ah! Cuntu srdi
m'accuntintssi pajri
pi putrlu ancra na vta
abbrazzari!

" Come potrei dimenticare nonno Giovanni che per gli altri era solo un personaggio ma per me un uomo saggio che di carezze mi ubriacava e nel cuore mi portava".

Nonno Giovanni

Nonno Giovanni abitava \ in una casa popolare \ piccolina ma carina,\ con dietro un'intercapedine \ che dava \ su un'altra stradina.\ In questa casetta c'era anche \ un orticello secolare \ che tutti chiamavano il giardino.\ Di giardino a dire il vero \ aveva poca cosa \ ma cos veniva \ nominato e da tutti guardato \ dove a nonno Giovanni \ piaceva coltivare \ pepe piccante e basilico \ e dove teneva un gelsomino \ che veniva ogni anno potato \ e da tutti odorato.\
D'estate e d'inverno \ alla prima mattina si alzava \ e ore e ore appoggiato ad un balcone se ne stava;\ un balcone che dava proprio \ sulla strada,\ dove macchine, motori e persone \ si divertiva ad osservare. \ Le macchine le contava \ e le persone le controllava, \ ogni faccia conosceva \ e sempre la sua gli diceva.\ Con il cappello in testa \ ed un sigaro tra le dita \ la giornata si fumava \ e a guardare non si stancava.\ A tutte le ore della giornata \ nonno Giovanni mi aspettava \ con quell'amore troppo forte \ che nel cuore si portava.\ Quanta gioia \ egli provava \ quando da lontano \ mi scorgeva.\ Con la bocca mi chiamava,\ con le sue mani mi accarezzava. \ "Nipotina" mi chiamava \ e con gli occhi mi parlava \ con quegli occhi come il mare \ pieni d'amore e di passione, \ tutto quell'amore \ che solo un nonno \ pu provare per una nipote.\ Ah! Quanti soldi \ mi accontenterei pagare \ per poterlo ancora una volta \ abbracciare.


Torna ai contenuti | Torna al menu